Esistono diversi metodi per inserire il codice Google Analytics in WordPress ed impostare efficacemente il tracciamento del popolare prodotto Google sul proprio sito: qui di seguito ne vado a spiegare nel dettaglio due.

Di solito l’implementazione del codice di tracciamento di un software di web analytics, come ad esempio Google Analytics, è uno degli ultimi passi che vengono compiuti immediatamente prima di mettere online un sito.

Ecco perché entrambi i metodi che vi andrò a spiegare qui sotto presuppongono di avere già un sito Internet basato su WordPress attivo e funzionante.

Metodo 1: Inserire il codice Google Analytics in WordPress tramite plugin

Il primo modo, molto semplice ed immediato, è implementare il codice di tracciamento di Google Analytics attraverso un plugin per WordPress. Uno dei più diffusi ed apprezzati in circolazione è sicuramente Google Analytics by Yoast (link alla pagina del plugin).

UPDATE: A partire da Aprile 2016 Google Analytics by Yoast è diventato Google Analytics by MonsterInsights, plugin che non ho ad oggi avuto modo di testare.

Google Analytics by Yoast

Le caratteristiche principali di Google Analytics by Yoast:

  • Installazione semplice attraverso l’integrazione con Google Analytics API
  • Utilizzo sia della versione “Universal” che asincrona del codice di monitoraggio
  • Cruscotti con le metriche principali nel pannello principale di amministrazione di WordPress
  • Opzione per abilitare dati demografici e interessi
  • Monitoraggio link in uscita e download
  • Opzioni configurabili per monitorare i link in uscita sia come pagine visualizzate o come eventi
  • Monitoraggio pagine dei risultati di ricerca e pagine 404
  • Modalità di debug completo, compreso Firebug Lite e ga_debug.js per il debug di problemi di Google Analytics

Oltre a Google Analytics by Yoast esistono altri plugin per implementare il codice di tracciamento di Google Analytics nelle pagine del proprio blog: tra i tanti disponibili citiamo Simple Google Analytics (link alla pagina del plugin) e Google Analyticator (link alla pagina del plugin).

Metodo 2: Inseirire il codice Google Analytics in WordPress tramite modifica manuale al codice del tema

Qualora non voleste invece implementare Google Analytics tramite plugin, è possibile abilitare la registrazione dei dati su WordPress anche modificando manualmente il codice del vostro tema.

Prima di eseguire questa operazione consiglio vivamente di creare un Child Theme del vostro tema principale, in modo da non effettuare modifiche direttamente sui file originali.
Qui la guida ufficiale WordPress alla creazione di un Child Theme.

Una volta creato il vostro Child Theme occorrerà che identifichiate e modifichiate il file header.php, che contiene il codice all’interno del quale andremo ad implementare lo snippet di tracciamento di Google Analytics.

  1. Identificate il codice di tracciamento Google Analytics della proprietà web di cui volete registrare i dati
  2. Dal menu di navigazione laterale del vostro pannello di amministrazione WordPress andate su Aspetto > Editor
  3. Assicuratevi di stare lavorando sul vostro Child Theme e selezionate il file header.php
  4. Copiate il codice di tracciamento Google Analytics all’interno del file immediatamente prima della chiusura del tag HTML head
  5. Salvate la modifica al file header.php

Ecco fatto. Sia che abbiate optato per inserire il codice Google Analytics su WordPress attraverso un plugin sia che invece abbiate scelto di modificare il codice del vostro tema adesso dovreste iniziare a vedere i dati raccolti da software di web analytics di Google all’interno dei Rapporti della vostro account Google Analytics.